Ci sono cose che nessuno sgombero può cancellare, stanno li a fondamenta anche quando la speranza vacilla: sono la memoria e l’esperienza.

Tra le attività che organizziamo al presidio, ogni mercoledì facciamo una visita d’arte guidata. Non sappiamo mai con certezza in quanti parteciperanno: coinvolgere persone che hanno passato la notte in strada stremate da un lungo viaggio è sempre una sfida. Una sfida all’abbandono, all’emarginazione ma anche a certe “forzature mediatiche” sui migranti che deviano verso un approccio asettico, poliziesco la natura dell’accoglienza in Europa, a certe politiche che sdoganano il razzismo e su questo scalano i malcontenti, mettendo gli ultimi contro gli ultimi.
Alla fine riusciamo sempre a mettere insieme un gruppo di curiosi e ogni volta è per tutti un’esperienza unica. Queste visite d’arte sono frutto della collaborazione, iniziata nel 2015 in via Cupa con AttivaMente, associazione del centro Diurno di via Montesanto, ASL Roma E, che non solo ha pianificato e guidato con i volontari gli ospiti ad ogni appuntamento ma ha anche raccolto tutti gli scatti da loro realizzati nel corso delle viste d’arte.
Ne è venuta fuori una mostra fotografica: “Sguardi”.

continua a leggere: https://baobabexperience.org/2019/03/04/sguardi-memoria-ed-esperienza-oltre-i-presidi-le-visite-darte-in-una-mostra-fotografica/

 

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *