BERLINO – Non ha fatto in tempo di dire, in inglese, «non voglio venire» che quattro poliziotti lo hanno buttato a terra, lo hanno immobilizzato e gli hanno stretto le manette intorno ai polsi e alle caviglie. Poi lo hanno trasportato nell’hangar di un aeroporto e lo hanno fatto salire su un aereo con destinazione Roma. Era il 23 novembre del 2018 e Abukkabar M., originario della Sierra Leone, si è ritrovato con “più di cinquanta” richiedenti asilo…

Continua a leggere su:

https://rep.repubblica.it/pwa/generale/2019/06/15/news/la_tratta_di_uomini_migranti_legati_e_sedati_sotto_accusa_i_voli_da_berlino-228863373/

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *