La Croce Rossa italiana è arrivata in Bosnia con tre tir carichi di aiuti umanitari per i migranti che da mesi patiscono il freddo lungo la rotta dei balcani. Coperte, sacchi a pelo, generi alimentari destinati ai campi per migranti a Sarajevo e Lipa. Nel campo poco fuori Bihac, andato a fuoco lo scorso 23 dicembre lasciando al freddo circa 800 persone, sono state montate una trentina di tende dell’esercito bosniaco e altre sono in arrivo. Ma non bastano: “La gente dorme per terra – racconta un ragazzo dal Pakistan – non c’è spazio”. Ci invita ad entrare nelle tende ma il controllo della sicurezza del campo è serratissimo e si può solo stare nelle zone indicate. Neanche la Croce Rossa Italiana può sostare più di tanto e, una volta scaricati i mezzi, riparte per l’Italia. “Tutti mangiamo lo stesso cibo tutti i giorni e – spiega un altro migrante agitando un pezzo di pane e una scatoletta di alluminio –  se mangi la stessa cosa per tre giorni non puoi mangiarla anche il quarto. E dopo hai fame”.

 

continua a leggere su:

 

https://video.repubblica.it/dossier/migranti-2019/bosnia-migranti-allo-stremo-nel-campo-di-lipa-fra-gelo-e-neve-dormiamo-per-terra-mangiamo-tutti-i-giorni-lo-stesso-cibo/374814/375428

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *